Quindi hai eseguire una serie di gare, l’amore leggere le ultime informazioni su formazione e, soprattutto, si desidera condividere la tua passione con gli altri in modo che possano raggiungere i loro obiettivi… impressionante!

E ora?

Non c’è dubbio su di esso – avviare un business è difficile. Indipendentemente dal fatto che sia online o in mattoni e malta, molto va nella formazione e nel lancio di un business. Mentre questo post non è affatto un elenco esaustivo del “fare” e ” non “di iniziare un business di coaching, la mia speranza è che getta un po’ di luce sulle aree critiche a cui pensare.

CHI VUOI ALLENARE? THINK NICHE

Proprio come non vorresti che il tuo medico di famiglia operasse alla spalla, probabilmente non vuoi avere un allenatore che funziona solo con i corridori 5-10K che ti allenano per una ultra marathon. Prima di appendere fuori il vostro tegola, pensare a quale popolazione di corridore che si desidera concentrarsi su. Forse sono principianti, forse sono maratoneti, forse sono ultra maratoneti.

Il consumatore sta diventando più specifico con i suoi “desideri” e spesso non basta più essere un “allenatore in corsa”.’Quindi determinare che tipo di corridore che si desidera lavorare con e andare da lì. Infine, dal punto di vista del marketing, è molto più conveniente ed efficiente indirizzare una nicchia rispetto all’intera popolazione in esecuzione.

PUOI IMPEGNARTI?

Molti nuovi allenatori hanno questa fantasia che il coaching è un impegno di un giorno alla settimana. Significato, indipendentemente dal numero di clienti che avete, si destinare un giorno alla settimana per inviare tutti i vostri programmi client e non preoccuparsi di coaching gli altri sei giorni. Mentre un modello apparentemente efficiente a prima vista, questa non è la realtà e aggiungerò che se questa è la tua realtà, devi ripensare al tuo modello di pratica di coaching.

Mentre capisco che gli allenatori hanno spesso più livelli di coinvolgimento di coaching da estremamente di base a contatto allenatore illimitato, è necessario capire che il processo di coaching richiede più di un giorno alla settimana. Il check-in con i clienti, rispondendo alle richieste esistenti e nuovi clienti, modificando i programmi in base al feedback dei clienti, marketing, formazione continua… l’elenco potrebbe continuare. Se non vuoi, o non hai il tempo di fare queste cose durante una settimana, il coaching probabilmente non è la scelta giusta per te in questo momento.

TIPO DI COACHING

Decidere se vi concentrerete la vostra pratica di coaching virtualmente o di persona avrà un grande impatto su come commercializzare il vostro business. Inoltre, se hai intenzione di avere un modello di persona, lavorerai fuori da una palestra? Fare sessioni all’aperto uno contro uno? Forse hai intenzione di avviare un club di corsa. O forse avete intenzione di fare sia on-line e di persona di coaching.

LA TUA PASSIONE È ORA IL TUO LAVORO

Mi ricordo quando ho ottenuto il mio primo lavoro in una palestra, ero così eccitato perché ho avuto modo di trascorrere tutto il giorno in un posto che ho amato.

Quella sensazione è durata circa una settimana

Quello che non spiegavo era che la mia passione era ora il mio lavoro e mentre amavo ancora il fitness, aveva una sensazione molto diversa. Invece di andare in palestra per ottenere un allenamento, de-stress e relax, stavo cronometrando per andare a lavorare.

Mentre alcune persone possono bilanciare bene questi due mondi, è stata una lotta che ho sempre avuto.

Quindi, basta essere consapevoli del fatto che il vostro rapporto con lo sport che si allenatore può cambiare come si entra in coaching e trovare modi per separare la propria esecuzione dalla vostra pratica di coaching è importante.

VALUTARE I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA

Come notato sopra, si consiglia di specializzare la vostra pratica di coaching. Questo non è solo per scopi di marketing sia. Come allenatore, o qualsiasi professionista, si sta andando ad avere i vostri punti di forza e di debolezza, così come le aree che sei più appassionato di altri. È importante fare un’autovalutazione onesta per capire queste cose prima di iniziare la tua pratica di coaching, poiché queste informazioni aiuteranno a modellare la formazione e la direzione della tua attività.

Per quanto riguarda le aree di debolezza, forse a causa del tuo modello di coaching specializzato, semplicemente non lavori con i clienti in quelle aree (es: meccanica di corsa). O forse si partner con qualcuno che si specializza nelle vostre aree deboli. Infine, proprio come l’allenamento fisico, non è mai l’approccio sbagliato per imparare il più possibile sulle aree che percepisci come debolezze.

ESSERE REATTIVO

Non mi interessa quanto sia grande il tuo sito web, quanti gradi e certificazioni hai o quanto è approfondito il tuo piano di marketing, se non rispondi tempestivamente ai clienti potenziali ed esistenti, la tua attività fallirà period periodo. Se ci vogliono più di 12 ore per rispondere a una e-mail, il coaching non è la strada giusta per voi (nota: si dovrebbe rispondere molto più veloce di 12 ore!)

MANTENERLO LEGALE

“Rimani nella tua corsia” – Da un punto di vista legale, questo riguarda ciò che puoi e, soprattutto, ciò che non puoi fare come allenatore. Da un punto di vista non legale, questo riguarda ciò in cui sei bravo e esperto, rispetto alle aree che sono al di fuori del tuo ambito di conoscenza o livello di comfort.

Discutiamo l’aspetto legale e invece di parlare di ciò che puoi fare, restringiamo il campo rispetto a ciò che non puoi fare. Tenete a mente che spesso la linea tra ciò che si può e non può fare è molto fine e, quindi, è piuttosto una zona grigia. Come tale, da un punto di vista legale, è intelligente essere il più conservatore possibile. Essenzialmente quando si tratta di lesioni e integratori choices e anche scelte dietetiche, è possibile informare ma non prescrivere. Ecco la lista’ Non può fare’:

  • Hands-on corpo di lavoro (ex: massaggio)
  • Diagnosi/trattamento di un infortunio o di una malattia
  • Prescrivere o consigliare farmaci (anche OTC farmaci come Advil)
  • Prescrivere integratori
    • Mentre questo non è illegale di per sé, è meglio tenersi alla larga di questa zona

Assicurazione

è fortemente consigliato per ottenere una polizza di assicurazione di responsabilità che ti copre e ogni specifico lavoro che fate. È necessario essere molto attenti a fare in modo che la politica copre le vostre aree di formazione esatte. Ad esempio, potresti ottenere una politica che copre il ciclismo indoor (ad es., classi di rotazione), ma non ciclismo all’aperto. Si consiglia di ottenere una politica di 1M per occorrenza. L’intervallo di costo probabile per una politica 1M è compreso tra $200-400/all’anno.

Se si esegue qualsiasi coaching in una struttura, si può chiedere di essere aggiunto alla vostra politica come ‘Assicurato supplementare.”Questo in genere non costa denaro aggiuntivo.

Di seguito sono riportati i fornitori di assicurazioni per il triathlon e la corsa, rispettivamente.

IDEA (Triathlon Insurance)
K& K (Road Running Insurance)

Rinunce

Avere il vostro cliente compilare un questionario storia di salute (HHQ), physical activity readiness questionnaire (PAR-Q) e rinuncia di responsabilità può aiutare nella riduzione della responsabilità. Si consiglia vivamente di avere un avvocato locale redigere la vostra rinuncia di responsabilità. Per quanto riguarda i moduli HHQ e PAR-Q, esistono per avvisarti di eventuali problemi di salute che potrebbero impedire a un individuo di partecipare a un’attività sportiva con o senza l’approvazione di un medico. L’American College of Sports Medicine (ACSM) è considerato il gold standard per queste aree.

Ambito di pratica e ambito di conoscenza

Devi sempre esercitarti nel tuo ambito di pratica e ambito di conoscenza. Per quanto riguarda la portata della pratica, non è possibile eseguire il massaggio su un cliente in quanto questo è al di fuori della portata della pratica a meno che non sei anche un massaggiatore con licenza.

Mentre un allenatore in esecuzione può ‘prescrivere’ un programma di forza, se questo è qualcosa che è al di fuori del vostro ambito di conoscenza, non si dovrebbe includere questo nella vostra pratica di coaching o fare riferimento a un personal trainer o allenatore di forza.

Formazione aziendale

Avere la vostra pratica di coaching istituito come una società a responsabilità limitata (LLC) o come S o C corporation creerà una persona giuridica separata per il vostro business.

Tuttavia, poiché non sono né un avvocato né un esperto di affari, si consiglia vivamente di consultare un avvocato specializzato nella formazione aziendale.

Condotta personale

Ultimo ma non meno importante, la tua condotta gioca un ruolo importante nel mantenere la tua pratica di coaching al di sopra del bordo. Cose come chiedere il vostro cliente per il permesso prima fisicamente li cue via touch è importante, così come limitare le conversazioni al rapporto di coaching.

Mentre capisco che mentre si sviluppa una relazione di coaching, spesso diventa amichevole, questo non significa che dovresti usare un linguaggio offensivo o battute offensive.’Mantenere le cose professionali in ogni momento!

CERTIFICAZIONE(S)

Sì, gestisco una società di certificazione di coaching sportivo di resistenza. No, non penso che per essere un grande allenatore devi essere certificato. Ci sono un sacco di ‘non così grande’ allenatori certificati là fuori. Tuttavia, dirò che le informazioni contenute all’interno di una certificazione di coaching probabilmente ti renderanno un allenatore più informato e a tutto tondo e puramente da una prospettiva di marketing, una credenziale di coaching è probabilmente mai una cosa negativa. Essa mostra che si prende il vostro coaching abbastanza sul serio che si è andato un passo in più per formalmente ulteriormente la vostra formazione.

È importante notare che non tutte le certificazioni sono uguali e al momento di decidere su uno, è importante fare i compiti. Ad esempio, vuoi uno che è di persona o online-based? Che aspetto ha il contenuto? Insegna un particolare metodo? Cosa devo fare per rinnovare? Ci sono dei prerequisiti?

Queste sono solo alcune cose a cui pensare prima di registrarsi per una certificazione di coaching.

SOFTWARE DI COACHING

Ci sono diverse opzioni là fuori per quanto riguarda il software di coaching, con TrainingPeaks e Final Surge essere due di quelli più popolari. O se non si sceglie di utilizzare un programma software o si va con una semplice opzione come Excel o Google Docs, è saggio guardare tutte le potenziali offerte per vedere cosa funzionerebbe meglio con il vostro business.

GESTIRE ALTRI ALLENATORI?

Mentre una sorta di “Fase 2” e come tale, di solito uno sviluppo che si verifica una volta raggiunta la soglia personale dei clienti, operando una pratica di coaching in cui supervisionare altri allenatori può essere una valida opzione. Questo tipo di pratica di coaching viene fornito con una nuova serie di sfide come si sta gestendo non solo i clienti, ma altri allenatori come bene e in una certa misura, i loro clienti pure se e quando hanno domande o problemi.

PREZZI

La domanda da un milione di dollari. Che prezzo si dovrebbe pagare per i vostri servizi? Poiché ci sono letteralmente centinaia di libri su questo argomento, probabilmente non colpirò tutte le variabili, ma qui ci sono alcune aree chiave a cui pensare:

  • Online o di persona: se di persona, i dati demografici locali influenzeranno i prezzi. Ad esempio, è possibile caricare molto di più a New York di quanto si può in Ashtabula, OH.
  • Concorrenza: qual è la fascia di prezzo che i tuoi concorrenti più vicini stanno addebitando?
  • Servizi: Cosa offrite? In poche parole, più servizi offrite e maggiore è l’accesso a voi, più si dovrebbe probabilmente carica.
  • Esclusività: in larga misura, il prezzo impostato influenza il numero di potenziali clienti che avrai. Per esempio, non mi interessa quanto grande di un allenatore sei, se si carica $900/mese, non ho intenzione di assumerti. Al contrario, se si carica solo month 5 mese per voi coaching, il mio primo pensiero sarebbe, ” Perché così basso?”Mentre è bene mantenere bassi i prezzi di coaching per rendere i servizi accessibili a quante più persone possibile, basta essere sicuri di non svalutare te stesso o prezzo il tuo coaching così basso che le persone si chiedono perché.

SITO WEB

Vuoi andare in questo negozio per comprare la spesa?

Probabilmente no. Sto indovinando Whole Foods o Trader Joe sarebbe una scommessa più sicura!

È importante capire che l’aspetto del tuo sito web si riferisce direttamente al modo in cui i potenziali clienti visualizzano te e la tua attività di coaching. Pertanto, più professionale è il tuo sito web, più professionale sarà visualizzato dai potenziali clienti.

Supponendo che tu abbia un sito web, è il tuo negozio virtuale e, come tale, dovrebbe essere invitante e il più professionale possibile. I tuoi servizi dovrebbero essere chiari senza la necessità che un utente clicchi all’infinito. Va anche da sé che il sito web deve funzionare-soprattutto se si dispone di un aspetto di e-commerce ad esso dove i clienti possono acquistare coaching. Mentre si potrebbe non avere le entrate di Amazon.com, non significa che il tuo sito web non può apparire altrettanto bello!

La buona notizia è che non è necessario assumere uno sviluppatore web costoso. La qualità dei costruttori di siti web e modelli sono sempre meglio ogni giorno che passa e, soprattutto, un sacco di questi costruttori sono facili da amministrare da parte degli utenti che non hanno esperienza tecnica sito web.

Quando si progetta un sito web, pensare meno a ciò che si offre (sì, hai ancora bisogno di queste informazioni) e di più su ciò che un potenziale cliente sta cercando. Le aree a cui pensare sono:

  • Formazione specifica di coaching
  • Filosofia di coaching
  • Testimonianze
  • Sport/distanza focalizzata su
  • Prezzo
  • Cosa ottiene un cliente?
  • Esperienza di coaching

Sia da un punto di vista di convenienza e di bilancio, si consiglia di avere un sito web che si può fare la maggior parte degli aggiornamenti. WordPress.org (non WordPress.com) siti sono alcuni dei più popolari a causa della loro flessibilità e il numero di temi/modelli che possono essere utilizzati. I costruttori di siti Web che sono un po ‘ più plug and play sono Wix e Squarespace.

LIBERI PROFESSIONISTI E RISORSE

Dato che siamo nell’anno 2019, la gig economy non è mai stata così forte come lo è ora. Ci sono risorse quasi illimitate per aiutarvi a sviluppare il vostro business. Ecco alcune delle risorse che ho usato durante lo sviluppo di UESCA.

  • Upwork-Noleggio liberi professionisti – abbiamo utilizzato, a fonte di un web developer
  • Fiverr-Noleggio liberi professionisti – lo abbiamo utilizzato per la progettazione di un logo, voce fuori campo di lavoro, animazioni, infografica e di excel per la creazione di database
  • Chiarezza-Prenota una chiamata con più esperti e pagare al minuto
  • Copycall-È possibile ottenere il proprio numero di telefono con segreteria telefonica capacità
  • Zen Business Gratuitamente un set up di business formazioni
  • Marchio di Motore-Facile set-up del marchio processo di applicazione
  • Vimeo-Video hosting
  • Drip-gestione e-Mail
  • Stripe/PayPal-elaborazione dei pagamenti Online
  • Dropbox-Grande per l’invio/la memorizzazione di file di grandi dimensioni
  • Siteground-Sito web hosting

MARKETING

Come ci sono infiniti modi per mercato business, tuttavia, questi sono alcuni dei più popolari metodi di:

  • Parola di bocca
  • Rete tramite altri professionisti della salute (ex: fisioterapisti, nutrizionisti)
  • Presentazioni locali, negozi di sport come la corsa e triathlon negozi
  • Fiere in gare locali (se in un relativamente grande mercato)
  • Pagato e non pagato social media
  • Podcast
  • Commenti online gruppi/forum
  • Rinvio incentivi per i clienti esistenti
  • Scrivere articoli online per te (blog) e altri
  • ottimizzazione dei motori di Ricerca per aumentare il vostro risultato di ricerca di rango specialmente Google,
  • Allenatore locale in esecuzione di gruppi di piombo e di gruppo eseguito
  • Partner con strutture per il fitness locali per insegnare laboratori di corsa

Abbiamo intervistato uno dei nostri allenatori di maggior successo per imparare ciò che rende la sua attività di tanto successo-check it out here!

Per quanto riguarda i social media, pensa a quale piattaforma i tuoi potenziali clienti utilizzeranno più probabilmente e quale sarebbe il mezzo migliore. Ad esempio, se vuoi indirizzare i corridori nel gruppo di età di 20 anni, Instagram è probabilmente la scelta giusta, mentre se stai prendendo di mira il demografico di 40-50 anni, Facebook sarebbe probabilmente un’opzione migliore.

Supponendo che tu sia un singolo operatore, non è possibile eseguire una campagna di marketing ben gestita da una prospettiva di contenuto su tutti i canali di social media. Mentre va bene essere su più di un canale, scegli due su cui ti concentrerai principalmente. È molto meglio (e più efficace) fare uno o due canali molto bene, rispetto a cinque o sei che sono solo mediocri o poveri.

NON FARE PROMESSE CHE NON PUOI MANTENERE

Risultati garantiti!! Veramente? Non importa quanto grande un allenatore sei (o pensi di essere), NON è POSSIBILE garantire risultati – periodo. Inoltre, fare promesse basate sul proprio ritmo, tempo, luogo di gara o condizione fisica sono anche un grande no no. Qui sono alcuni esempi di ciò che NON promettere:

  • Ti qualificarsi per Boston
  • Ti cadrà a 5 minuti dall’attuale PR
  • avrai nella top 5 del vostro gruppo di età
  • ti faccio perdere 10 libbre

Perché fidati di me, quando il client non è di perdere peso o è sempre più lento, invece, più veloce.. porta ad alcune conversazioni stressanti!

RIMANI AGGIORNATO

Non importa quanto tu sappia di coaching, c’è sempre di più da imparare. Che si tratti di affari, prevenzione degli infortuni o miglioramento delle prestazioni, ci sono sempre nuove informazioni che escono per rimanere in cima. Come allenatore professionista, se non stai imparando costantemente, stai regredendo.

PROGRAMMAZIONE

Il formato, la consegna, il contenuto e la struttura dei programmi saranno diversi tra i coach. Tuttavia, l’unica cosa che non dovrebbe differire è che ogni elemento nel programma di un client deve essere lì per un motivo.

Se non riesci a spiegare a un cliente perché l’allenamento o l’esercizio XYZ sono nel loro programma, non ha posto nel programma. Mentre va bene fare congetture istruite rispetto alla programmazione, inserendo qualcosa in un programma di allenamento perché “sembra bello”, hai appena letto su di esso in una rivista in esecuzione, o perché è più facile copiare e incollare dal programma delle ultime settimane non è corretto.

POLITICA DI CANCELLAZIONE

Questo riguarda principalmente le sessioni di persona ed è sempre un argomento interessante. Anche se non tutti gli allenatori hanno politiche di cancellazione, è stata la mia esperienza che quelli che lo fanno, spesso fanno eccezioni. Come qualcuno che ha anni di formazione personale e di esperienza di coaching, sono abbastanza familiare con il dilemma della politica di cancellazione. Significato, applicalo e tu sei il culo duro e il cattivo – fai eccezioni per le persone e sei una spinta e probabilmente ne approfitterai. Ho capito.

Per cominciare, lasciatemi dire che se si allena di persona, avete bisogno di una politica di cancellazione. Il periodo di tempo esatto per la politica di cancellazione dipende da te. Se non ne hai uno e inoltre, se non lo fai rispettare, il tuo business di coaching sarà emorragia sia di denaro che di tempo.

Come notato in precedenza, ho capito, specialmente nei casi in cui il tuo cliente è malato, ha emergenze familiari/aziendali inaspettate o problemi di trasporto.

Quindi ecco come l’ho affrontato, che si è rivelato abbastanza efficace. Prima di iniziare, chiedi al cliente di firmare la politica di cancellazione in modo che non ci possa essere alcuna contestazione. Per quanto riguarda la politica stessa, mi piace avere una conversazione con i potenziali clienti ed è difficile dire di no, in quanto è una strada a doppio senso. Eccolo qui:

“Ciao Bob, la mia politica di cancellazione è di 12 ore di preavviso per evitare di essere addebitato per la sessione. Tuttavia, questa politica funziona in entrambi i modi, quindi se per qualche motivo, mi ammalo, la mia auto si rompe o ho qualche altra emergenza che mi richiede di perdere la nostra sessione, ti devo una sessione o ti rimborserò i soldi per la sessione. In questo modo è completamente giusto per entrambi sound suona bene?”

Avviso, che ho fornito esempi specifici sul motivo per cui dovrei potenzialmente annullare, in quanto rappresentano i motivi più comuni e anche i tipi di cancellazione più comuni che i clienti spesso ritengono di non dover pagare.

Ora, il potenziale cliente può ovviamente ancora avere problemi con questo, ma se lo fanno, consideralo una benedizione in quanto probabilmente causerebbero problemi lungo la strada rispetto alle cancellazioni tardive.

MENTOR

Che tu abbia o meno un vero mentore o un gruppo di altri allenatori più esperti a cui porre domande, è importante avere una o più risorse di cui ti fidi. Ad esempio, gli allenatori UESCA possono unirsi al nostro gruppo Facebook UESCA Coaches chiuso in cui possono porre domande ai nostri altri allenatori. I nostri allenatori hanno trovato questo per essere uno dei migliori vantaggi della certificazione UESCA in quanto hanno accesso immediato a centinaia di altri allenatori.

VAI OLTRE

Vuoi distinguerti e come risultato acquisire e mantenere più clienti rispetto al prossimo allenatore? Vai al di là di ciò che i tuoi clienti si aspettano da te. Veramente prendersi cura dei vostri clienti è davvero la metrica chiave per il successo di coaching come questo guiderà il vostro comportamento rispetto a interagire con loro.

Purtroppo, gran parte del servizio clienti in questi giorni è nella media a subpar – tanto che molti di noi quasi si aspettano questo livello di servizio. Come tale, non ci vuole molto per stupire un cliente. Detto questo, è scioccante come molti allenatori non vanno al di là, soprattutto perché ci vuole poco o nessun sforzo.

Non sei nel business di coaching, sei nel business del servizio clienti!

Mentre questa lista potrebbe andare avanti all’infinito, ecco un elenco di alcune cose che puoi fare che non richiedono molto sforzo, ma saranno apprezzate dai tuoi clienti:

  • Chiamata / e-mail per il check-in (soprattutto dopo una gara o duro allenamento) per vedere come stanno facendo fuori per i tempi di chiamata normalmente programmati.
  • Se il tuo cliente sta raccogliendo fondi per un ente di beneficenza legato a una gara che stanno facendo, fai una donazione.
  • Invia una nota scritta di ringraziamento per essere il tuo cliente.
  • Se leggi un articolo a cui pensi che il tuo cliente possa essere interessato, invialo a loro.
  • Se la razza del tuo cliente è vicino a te e hai tempo, sorprendili presentandoli e incoraggiandoli!
  • Se conosci il compleanno del tuo cliente, invia loro un piccolo regalo

Mentre queste cose dovrebbero essere fatte dal punto di vista di essere un grande allenatore, scoprirai anche che rappresentano la forma più economica di fidelizzazione e acquisizione del cliente a causa di probabili rinvii.

LAVORA PER UN’ORGANIZZAZIONE

Non tutti gli allenatori lavorano per se stessi. Lavorare per un’organizzazione di fitness o di coaching ha molti vantaggi, inclusi ma non limitati a quanto segue:

  • nome e la credibilità
  • in Genere più facile per ottenere i clienti di andare da soli
  • Potenziali vantaggi, quali benefici per la salute, 401K, stipendio, ecc…
  • formazione In-house
  • Lavorare a fianco di altri allenatori
  • Minimi costi di avvio anziché uscire proprio di ciottoli

detto questo, un grande svantaggio è che non puoi mantenere tutte le entrate. Quindi, se si decide di lavorare per un’azienda, è importante valutare tutti gli aspetti positivi e negativi prima di raggiungere una decisione.

SINDROME DI IMPOSTORE

È del tutto normale non sentirsi pronti a premere il pulsante ‘go’ sulla tua attività di coaching. In effetti, in una certa misura, sarebbe anormale non sentirsi in questo modo. Sulla base del feedback dei nostri allenatori, la ragione principale per sentirsi in questo modo è che non sentono di sapere abbastanza e quindi non sono qualificati per allenare le persone. Questo è genericamente indicato come, ” Sindrome di Impostore.”

Tuttavia, ciò che mi dicono i nostri allenatori è questo…

  • Hanno speso un sacco di tempo a studiare e passare la nostra completa esecuzione di certificazione
  • fanno domande all’interno dei nostri allenatori di gruppo in materia di aree non sono sicuri
  • hanno un sacco di sport personale-esperienza specifica
  • continuano ad imparare questo sport e i risultati più recenti

a Causa di questo, ho lasciato loro sapere che, in primo luogo, essi sono pronti… e in secondo luogo, anche se ci saranno zone che non sono sicuri o non sanno, sanno un sacco più che la persona o le persone che saranno coaching.

È importante allenare al livello delle tue conoscenze ed esperienze. Ad esempio, mentre un nuovo allenatore potrebbe essere in grado di aiutare un atleta d’élite in alcune aree, le specifiche di allenare un’élite sono diverse da quelle di allenare un novizio. Non è una funzione di un essere ‘più difficile’ da allenare di un altro, in quanto entrambi richiedono una certa conoscenza e abilità di base. Tuttavia, se non hanno esperienza di coaching un atleta d’élite, è probabile che non saranno in grado di allenarli in modo efficace come qualcuno che lavora con questo tipo di atleta su base regolare.

CLIENTI GRATUITI (aka CAVIE)

In una certa misura, questo va di pari passo con la sindrome di Impostore. Per i nuovi allenatori che non si sentono pronti a tuffarsi con entrambi i piedi, lavorare con i clienti pro bono è un ottimo modo per ottenere esperienza e costruire fiducia. Questi clienti possono rimanere con te anche dopo aver iniziato a caricare i tuoi servizi. Inoltre, possono fornire un feedback prezioso, testimonianze e anche servire come una buona fonte di riferimento.

SOMMARIO

Così il gioco è fatto… la nostra guida completa per iniziare un business di coaching. Come ho notato all’inizio, questa non è affatto una guida completa, ma dovrebbe darti un buon quadro generale di ciò che è necessario per iniziare, oltre ad aiutarti a capire quali aree richiedono un’immersione più profonda da parte tua.

Augurandovi tutto il meglio nella vostra futura attività di coaching!!

Rick Prince è il fondatore di United Endurance Sports Coaching Academy (UESCA), una scienza/evidence-based endurance sports coaching società di formazione che certifica corsa e triathlon allenatori.

Per ottenere uno sconto di $50 sulla certificazione Running Coach, clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.